LUMEZZANE – “Albatros” bissa il successo di tre anni fa e si aggiudica il “Città”

0
"Albatros" vince il trofeo di Lumezzane

Ha riscosso un enorme successo di pubblico e partecipazione da parte degli atleti la ventiduesima edizione del trofeo di nuoto “Città di Lumezzane”, valido per il settimo anno consecutivo alla memoria di Davide Bonomi, un ragazzo valgobbino scomparso troppo presto e che spesso frequentava la piscina “Albatros” di Piatucco.

La gara di ieri nell’omonima struttura balneare, riconosciuta a livello regionale anche dalla federazione italiana, ha portato in città oltre cinquecento atleti di venticinque squadre e, visto il clima quasi primaverile, è stato aperto anche il lido estivo, mentre l’ampio pubblico di casa e non solo che ha invaso tribune, scale, bar e lo spazio davanti all’edificio dov’era allestito uno schermo in diretta, si è divertito nell’ammirare il sano agonismo di chi si è mosso in acqua pur sapendo che si trattava solo di una competizione dilettantistica, senza premi o ambizioni particolari.

Il trofeo, organizzato dalla società “Albatros” con il patrocinio dell’assessorato allo Sport e il contributo della famiglia Bonomi, si è disputato nell’arco di tutta la giornata tra oltre mille gare nelle diverse discipline e per ogni categoria: gli esordienti B e A si sono confrontati nelle specialità farfalla, dorso, rana, stile libero e misti con la staffetta di 8×50 in stile libero che ha impegnato le squadre tra i più giovani, mentre anche i ragazzi, juniores e assoluti si sono esibiti nei 50 metri passati tra farfalla, dorso, rana e stile libero con l’attesa finale dei 100 metri misti disputati all’australiana, cioè a eliminazione diretta fino ai tre vincitori rimasti.

E proprio queste gare, che hanno coinvolto il pubblico, hanno dato merito ai ragazzi dell’”Albatros” che nuotavano in casa: tra queste, Clara Pasotti si è aggiudicata la finale seguita da Silvia Izzo e Francesca Zanini. Podio tutto lumezzanese anche tra i ragazzi con Matteo Polini, Fabio Fenaroli e Mario Cameletti ai primi tre posti. Altri meriti nei padroni di casa hanno premiato Francesca Catalano (seconda) e Roberto Parisi (primo) tra gli junior e Federica Sciola negli assoluti (prima in tutte le competizioni) con Veronica Salvi. Ricordo che i primi tre militano nell’”Ispra Nuoto”, in virtù di un rapporto di collaborazione con “Albatros” per permettere un calendario specifico di allenamenti e gare visto che la struttura di Gombaiolo è sempre occupata tra lezioni e corsi.

La classifica finale, ottenuta con la somma di tutti i punteggi conquistati dai vari atleti di ogni squadra, ha dato merito ai padroni di casa che, con 767 punti, fino alla fine se la sono giocata contro la “Franciacorta Sport bianca” poi costretta al secondo posto a quota 707. A poco meno di cento lunghezze, sul terzo scalino del podio è salita la “Brixia Leonessa A” (610).

A premiare gli atleti ci hanno pensato Sandro Bonomi e la moglie Susy Marniga insieme al figlio Vittorio in ricordo del loro famigliare, l’assessore allo Sport Lucio Facchinetti, quello al Bilancio Elena Berna, la presidente di “Albatros” Sonia Peli e il direttore della piscina Domenico Bonetti. Per la squadra valgobbina si tratta della seconda vittoria nella storia del trofeo, dopo quella conquistata tre anni fa.