Sarezzo e i residenti.

0

Sarezzo è in continuo movimento tra nascite, migrazioni e stranieri provenienti dall’Asia, dall’Africa e dagli altri Paesi dell’Unione Europea. E’ quanto emerge da alcuni dati statistici riferiti agli ultimi dieci anni, aggiornati alla fine del 2010 e diffusi dall’ufficio Anagrafe del Comune.

Oggi la popolazione saretina può contare su oltre 13mila abitanti equamente distribuiti tra uomini e donne, in cui fanno la loro parte anche i quasi 1700 residenti stranieri, aumentati di quattro volte rispetto a dieci anni fa (nel 2000 erano poco più di 400).

Un altro dato stilato dagli uffici di piazza Battisti è quello sulle famiglie, oltre 5mila, dove si nota la curiosa presenza dei capofamiglia maschi che hanno tre o quattro componenti e oltre la metà di donne single. Puntando la lente d’ingrandimento sull’età media dei cittadini di Sarezzo, negli ultimi anni sono aumentati gli adulti e anziani (si vive più a lungo), mentre è rimasta uguale la popolazione dei bambini in età prescolare, scolare e tra gli adolescenti.

A fronte di questi dati, invece, è calata la fascia giovanile: tra di loro si riconosce chi ha dovuto abbandonare la città per intraprendere gli studi universitari o cercare un lavoro.

Alcune cifre interessanti arrivano anche dalle unioni e dal capitolo matrimoni, dove negli ultimi dieci anni sono aumentati di molto quelli civili (22 del 2010 contro i sei del 2000) a discapito delle unioni religiose (21 alla fine dell’anno e 32 all’inizio del millennio): sono dati, però, da confrontare con i divorzi che, nel caso di un secondo matrimonio, devono condurre per forza di cose verso l’unione in Comune.

Un vasto capitolo a parte merita la popolazione straniera, con lavoratori sempre più presenti nelle aziende locali e famiglie ormai inserite nel tessuto connettivo della valle. Come si è detto prima, gli stranieri sono aumentati a dismisura (quattro volte) almeno a Sarezzo, dove i residenti provengono da tutte le parti del mondo.

E non mancano le curiosità: la maggior parte arriva dall’Asia (raddoppiati negli ultimi dieci anni), dai Paesi dell’Unione Europea e dell’est e dal continente africano dove, però, i flussi migratori sono dimezzati.

I risultati importanti sulla popolazione estera sono dovuti, tra le altre cose, allo stabilizzarsi dei primi abitanti in città (almeno per gli orientali) e ai familiari che sono arrivati dopo, mentre per i popoli dell’Europa dell’est l’aiuto è giunto dalle regolarizzazioni del personale domestico (colf e badanti) e dalla recente annessione di Romania e Bulgaria all’Unione Europea. Si può approfondire anche l’età media degli stranieri a Sarezzo e, in particolare dei giovani (quasi il doppio rispetto a noi), partendo da alcuni dati di fatto: a differenza degli italiani, fanno più figli, ma l’età media si abbassa grazie anche ai cittadini che arrivano dall’estero motivati alla ricerca di lavoro. I dati registrati, in conclusione, fanno intendere che la popolazione saretina sia in continuo aumento (+ 7,7% negli ultimi sei anni).