PREVALLE – Seconda udienza preliminare per Tersilla Tanghetti, “la santona”

0

Si è aggiunto un nuovo elemento nella seconda udienza preliminare nell’ambito del procedimento a carico di Tersilla Tanghetti, 53 anni, originaria di Bovegno, meglio conosciuta come la “santona di Prevalle”. A lei e ad altri suoi 17 collaboratori vengono contestate varie accuse che vanno da maltrattamenti e percosse al sequestro di persona.

Le presunte vittime si erano costituite parte civile. Il 14 dicembre scorso ed il Gup Roberto Gurini ha accolto anche l’accusa (richiesta dal Pm Alberto Rossi) di mantenimento in stato di schiavitù, rifacendosi all’articolo 600 del codice penale.Una nuova ipotesi di reato che si aggiunge agli elementi raccolti dopo la denuncia di una decina di ex ospiti delle comunità della Tanghetti dislocate in varie località della provincia: Pravalle, Caino, Gavardo, Muscoline e Manerba.

La prossima udienza è fissata per il 1°febbraio, giorno in cui inizierà la discussione tra le parti. Il Gup esaminerà, intanto, anche la documentazione prodotta dagli avvocati difensori di Tersilla Tanghetti, Felice Arco e Massimo Bonvicini.Soddisfatti gli avvocati che dal 2004 difendono le presunte vittime.

Concetta delle Donne e Marisa Trombini, dichiarano che: “il fatto che sia stata accolta l’ipotesi di mantenimento e riduzione in schiavitù non dipende da nuovi elementi ma da successive dichiarazioni che si riferiscono a circostane già emerse fino al 2006.

I nostri assistiti – aggiunge Concetta delle Donne – lottano da anni per questa causa ;quanto emerso va visto in un’ottica globale e non circoscritta singolarmente “.