MARCHENO, 14 dicembre – Il Progetto Andrea Vive continua

0

Il Progetto Andrea Vive continua. Una storia tutta da raccontare, per  il comitato nato per ricordare Andrea Fausti, un giovane di Marcheno morto il 3 dicembre del 2007 per complicazioni post-operatorie sopravvenute in seguito ad un banale intervento alla tiroide. Nei giorni scorsi è stato fatto il punto della situazione sul centro polifunzionale realizzato a Nanoro, in Burkina Faso intitolato ad Andrea. Una struttura composta da 500 metri quadri articolati su un unico piano, una grande sala di aggregazione, tre laboratori, servizi igienici, locale per generatore di energia, castello per la canalizzazione dell’acqua. Dopo l’inaugurazione, nel febbraio 2009, la scuola professionale ha aperto i battenti con due  classi, una ad indirizzo falegnameria l’altra per la formazione nel comparto meccanico e saldatura. L’intento è quello di aiutare i giovani locali nell’apprendimento di un lavoro. “Avviata la scuola con i due laboratori, ora si pensa all’anno scolastico 2011 con altri corsi di formazione dedicati al settore elettrico più un corso dedicato alle giovani donne”. Cosi il presidente del comitato, Virgilio Ferraglio, nella serata rivolta alla cittadinanza marchenese, alla cui generosità si deve la realizzazione del Centro. ”L’impegno del comitato Andrea Vive, continua nel tempo ed è proiettato nel futuro, contiamo ancora sull’aiuto di privati e imprese”, questo l’appello a quanti intendono sostenere anche la seconda fase dell’iniziativa. Già nella campagna quaresimale 2010, col denaro offerto, è stato possibile realizzare un serbatoio per la raccolta dell’acqua potabile.Aiuti concreti che si traducono in possibilità di formazione per i giovani locali che, nel centro professionale gestito dai Padri Camilliani, trovano nuove opportunità. Per contribuire al Progetto Andrea Vive un c/c bancario è stato aperto presso la BCC della Valtrompia, sede di Gardone V.T. intestato a “Associazione l’Altro Paese per Andrea Fausti”. Giova ricordare che eventuali donazioni sono deducibili dal reddito. (pg)