In tema di “panettoni”. Anche se non è ancora Natale.

0

Ettipareva che non nascesse una qualche polemica? Stiamo parlando del Maniva e del ‘Passo’ in particolare. Nell’articolo ‘Gara dei cani a Malga Cadino: un tempo da lupi’ si sottolineava lo ‘scempio’, perpetrato ai danni dello sterrato del piazzale, dai Lucchini. In linea di principio siamo contrari alla cementificazione e all’asfaltatura del mondo, soprattutto come fenomeni concreti dell’uso dissennato di capitali e potere.

Accenniamo tuttavia ad alcuni fatti: a) il piazzale, che prima erano due su due livelli diversi, è di proprietà dei Lucchini b) Il piazzale è stato livellato e reso unico a spese dei Lucchini che, totalmente e sempre a proprie spese, provvedono anche alla sua pulizia e manutenzione c) I panettoni gialli delimitano la strada per Bagolino, il cui accesso era spesso e volentieri bloccato dai parcheggi selvaggi. L’asfalto, naturalmente, facilita la manutenzione e il lavoro dei mezzi spalaneve. L’obbiettivo, insomma, è quello di rendere più ordinato e fruibile il grande piazzale del quale beneficiano, comunque, tutte le attività che attorno ad esso gravitano.

Abbiamo per anni sentito lamentele sull’incapacità dell’Alta Valle di darsi strutture e infrastrutture in grado di rendere il Maniva un polo turistico degno di questo nome; per anni si è parlato di impianti, di progetti, di collegamenti più o meno faraonici; per anni si sono fatti investimenti senza una pianificazione globale e ora che è in fase di realizzazione un progetto serio per rendere il Maniva una località turistica a livello internazionale (ribadiamo: con capitali privati!) questioniamo sui panettoni. Siamo alle solite: l’immobilismo è la vera politica di talune persone. Ci si lamenta che non si fa niente e quando qualcuno si attiva concretamente c’è sempre chi rema contro. Per dirla tutta: il Maniva lo preferivamo selvaggio e aspro senza insediamenti ma se, come da anni la stragrande maggioranza della popolazione auspica, si vuole lo sviluppo turistico del Maniva che questo sviluppo lo si realizzi seriamente e una volta per tutte.