Agenzia delle entrate. Lombardia: oltre 2,5 miliardi dalla lotta all’evasione nel 2009

0

Ammonta a oltre 2,5 miliardi di euro, il 28% del totale nazionale, la somma incassata nel 2009 dall’Agenzia delle Entrate della Lombardia a seguito dell’attività di lotta all’evasione fiscale. Un livello di incassi, quello relativo all’anno appena concluso, che supera del 70% il miliardo e mezzo raggiunto nel 2008. In particolare, 1,7 miliardi derivano da versamenti diretti (il doppio rispetto al 2008) e oltre 825 milioni di euro da ruoli (+ 25% rispetto al 2008). Sul totale riscosso è rilevante l’incidenza (59%) delle somme derivanti dall’utilizzo degli istituti deflativi del contenzioso (principalmente adesione e acquiescenza) che  ammontano a 1,5 miliardi di euro. Per quanto riguarda l’attività esterna sono state realizzate oltre 1.300 verifiche e controlli mirati per una maggiore Iva constatata di oltre 139 milioni di euro e rilievi ai fini di Imposte Dirette e Irap, pari, rispettivamente, a 2,3 miliardi e a 1,8 miliardi di euro. Per quanto riguarda l’attività di accertamento ai fini delle Imposte Dirette, Iva e Irap, sono stati eseguiti in complesso oltre 91 mila accertamenti per una maggiore imposta accertata di oltre 5,5 miliardi di euro. Gli accertamenti sintetici ammontano a 3.822 e hanno portato ad accertare una maggiore imposta per 83 milioni di euro (il 18% del totale nazionale). Il 29% di questi (1.114), nel solo 2009, si è concluso con una definizione per adesione o acquiescenza per oltre 9,5 milioni di euro. Sempre nello scorso anno, inoltre, sono stati effettuati 961 accertamenti assistiti da indagini finanziarie che hanno portato a una maggiore imposta accertata di 222 milioni di euro. Sempre nel 2009, il 43% di questi, 417, sono stati definiti con adesione o acquiescenza per un valore di 9,4 milioni di euro. Sfiorano quota 11 mila gli accertamenti ordinari  nei confronti dei soggetti che hanno indicato un credito Iva in dichiarazione. In quest’ultimo caso l’attività di verifica ha permesso di riscontrare una maggiore Iva a debito di 658 milioni e ha ridotto i crediti vantati dai contribuenti per un ammontare complessivo di 221 milioni di euro. Particolarmente rilevante infine l’attività di indagine svolta dall’Ufficio Antifrode lombardo nel corso del 2009: i 68 verbali redatti hanno portato l’Agenzia a contestare rilievi per oltre 1 miliardo di euro ai fini delle Imposte Dirette, per 549 milioni ai fini Irap e 190 milioni relativamente all’Iva