LUMEZZANE – La Valgobbia premia le sue eccellenze

0

di fabio Zizzo

Assegnate 13 borse di studio, 4 premi «Città di Lumezzane» e uno della Confartigianato in una cerimonia all’Odeon. La crisi economica si può sfidare solo con la formazione e la conoscenza. E’ stato questo il messaggio finale lanciato dalle autorità, a margine della premiazione degli studenti universitari lumezzanesi che si stanno distinguendo nell’ambiente accademico e laureati con grande successo. La cerimonia si è svolta un mese fa al teatro Odeon di via Marconi, alla presenza delle autorità politiche e sociali del paese. Condotta da Renato Lancini, uno dei membri della commissione che ha valutato gli studenti, al tavolo si sono riuniti il sindaco di Lumezzane Silverio Vivenzi e l’assessore alla Cultura e istruzione Lucio Facchinetti. Accanto a loro i rappresentanti della Confartigianato, organizzatori del premio di laurea dedicato a chi ha trattato del mondo lavorativo e imprenditoriale. Eugenio Massetti, presidente provinciale, Flavia Caldera del gruppo regionale «Donne Confartigianato» e Mario Bugatti, vertice del mandamento valgobbino. A fronte delle cinquanta domande presentate (20 per le borse di studio e 30 per i premi di laurea), sono stati assegnati 13 assegni per gli studenti che stanno avendo successo nella carriera accademica, 4 premi «Città di Lumezzane» per chi si è laureato l’anno scorso e uno assegnato dall’artigianato.