LUMEZZANE – E’ morto il tenore valgobbino Giacinto Prandelli. Aveva 96 anni e viveva a Milano

0

Il mondo della lirica è in lutto. Il tenore Giacinto Prandelli non è più. Nel numero di febbraio l’avevamo definito un “Lumezzanese famoso nel mondo..” perché, a buon titolo, aveva portato il nome della natia Valgobbia nei vari continenti del globo. Se ne è andato, nella mattinata del 14 giugno.

Alla moglie, Anna Maria, ha detto “non mi sento molto bene..” poi la corsa all’ospedale, purtroppo inutile. Un improvviso arresto cardiaco, pare sia stato breve e indolore. Nello stesso pomeriggio la moglie ha esaudito il suo desiderio, disponendo il trasferimento della salma da Milano a Lumezzane dove, mercoledì 16 giugno si sono svolti i funerali. Aveva compiuto 96 anni lo scorso 8 febbraio. Un anno fa ci aveva accolti nella sua abitazione. Ci aveva colpito la sua energia, la sua eleganza ma, soprattutto, la sua passione ancora immutata per il mondo della musica, dell’arte, della cultura, del teatro. Sollecitato dal giornalista Egidio Bonomi, aveva raccontato episodi, circostanze, personaggi legati alla sua lunga e intensa carriera. In quell’occasione aveva espresso il desiderio di ritornare, per l’ultimo viaggio “nella casa d’origine” Giacinto Prandelli riposa ora nella tomba di famiglia, accanto ai genitori e ai fratelli, nel cimitero unico di S.Sebastiano. Ci piace pensare che, nel paradiso degli artisti, il tenore prediletto di Arturo Toscanini, vocalizzi ancora levando la sua voce limpida, unica nel suo inconfondibile recitar cantando, che lo ha portato a calcare le scene dei maggiori teatri del mondo.