BRESCIA – L’assemblea dei soci della Bcc della Valtrompia

0

Domenica 2 maggio 2010 si è tenuta nell’Aula Magna “Camillo Bissolati” della Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Brescia, l’assemblea dei Soci della Bcc della Valtrompia.
La banca nata a Bovegno nel 1897 e oggi presente sul territorio triumplino con gli sportelli di Bovegno, Lodrino, Gardone V.T,, Sarezzo, Pezzaze Collio e Marmentino vanta una compagine sociale di oltre 2.230 Soci. Il presidente Romano Bettinsoli, coadiuvato dal direttore generale Giancarlo Conti, ha illustrato agli oltre 270 soci presenti le risultanze economico patrimoniali dell’esercizio 2009, che coincide anche con la chiusura del triennio relativo al piano strategico 2007-2009. Quest’ultimo è stato caratterizzato da notevoli cambiamenti e influenzato fortemente dalla crisi internazionale che, particolarmente nel 2009, ha calato impietosamente la sua scure e fatto sentire la sua durezza in tutti i settori della società. La banca, essendo per missione e scelta prossima al territorio, non ha fatto mancare anche nel pieno della crisi il proprio sostegno finanziario alle famiglie e al tessuto di piccole e medie imprese locali, non rimanendo tuttavia immune dalle difficoltà che hanno colpito parte della clientela. Il bilancio 2009 infatti chiede con una perdita al di sotto del milione di euro, perdita determinata da una cospicua svalutazione dei crediti, nell’ordine di oltre due milioni e duecentomila euro che il Consiglio d’Amministrazione ha inteso imputare integralmente all’esercizio 2009 con trasparenza e senso di responsabilità. Volgendo comunque uno sguardo all’ultimo triennio la banca, oltre ad avere affrontato positivamente una vera e propria alluvione normativa, che ha comportato l’adeguamento dell’intera struttura attraverso attività straordinarie di carattere organizzativo e operativo, a fine 2009 mostra complessivamente una serie di variazioni positive, eccezion fatta per la voce sofferenze, raddoppiatesi nel triennio. Infatti il numero dei soci vede un incremento del 23% con un ingresso nella compagine sociale di 430 nuovi soci di cui buona parte donne e giovani sotto i 30 anni. Il capitale sociale si incrementa dell’88%, il patrimonio netto del 15% e il patrimonio di vigilanza del 32% superando al 31 dicembre 2009 i 14 milioni di euro. La raccolta diretta cresce del 28% attestandosi oltre i 103 milioni, gli impieghi netti del 22% per un totale di oltre 85 milioni e il numero di operazioni concluse con la clientela crescono di oltre il 27%. Da segnalare poi che nel corso del triennio la banca ha rafforzato massicciamente il proprio patrimonio immobile perfezionando l’acquisto del piano terra dello storico Palazzo Soncinelli (già Loggetta) a Gardone V.T., del nuovo sportello di Sarezzo avviato ad inizio 2009, portando a compimento la nuova sede dello sportello di Lodrino, inaugurato a marzo 2010 alla presenza di autorità, soci e moltissimi cittadini e ora, anche quest’ultimo di proprietà della banca, e infine acquistando tutto il palazzo ex sede dell’Agenzie delle Entrate e dell’ufficio postale di Gardone V.T.(già Casa del Fascio) destinato a divenire nel prossimo futuro sede della Sede Secondaria di Gardone V.T., dell’archivio della banca e di uffici interni.

Il presidente Bettinsoli ha poi illustrato i punti salienti del nuovo piano strategico 2010-2012 con il quale la banca guarda al futuro con rinnovato impegno e ottimismo. L’assemblea dei soci, al termine della quale sono intervenuti anche numerosi amministratori locali presenti come il presidente della Comunità Montana Bruno Bettinsoli, i sindaci di Pezzaze Sergio Richiedei, di Bovegno BrunoTanghetti e di Lumezzane Silverio Vivenzi e il presidente dell’Aeroporto di Montichiari VigilioBettinsoli che hanno, a turno, sottolineato il ruolo di traino e di supporto svolto dalla banca sia verso gli enti locali che a favore del territorio e della società, ha approvato a stragrande maggioranza, con solo due voti contrari e due astenuti, il bilancio rinnovando fiducia al Consiglio d’Amministrazione e al management della banca ora atteso da nuove importanti sfide.