La tangenziale per Ponte Zanano

0

di Pia Grazioli

Si concretizza un’opera di cui si parla da anni: la tangenziale per Ponte Zanano, in grado di allontanare il traffico di via Serradello dal centro abitato e di eliminare l’attuale semaforo che immette sulla strada che congiunge a Polaveno. Il progetto, predisposto dall’assessorato provinciale ai lavori pubblici, si inquadra negli interventi destinati a migliorare la viabilità della s.p. 345 delle Tre Valli. L’intervento è imponente sia sotto il profilo della viabilità sia sotto il profilo economico, dal momento che si prevede un investimento di 7,9 milioni di euro. “Intendiamo correggere il tracciato e le dimensioni della provinciale realizzando una nuova deviante a monte dell’attuale 345, – spiega l’assessore Mauro Parolini – l’inserimento della s.p. 48 direttamente nel cuore del centro abitato di Ponte Zanano, l’alta presenza di insediamenti produttivi in quella zona, l’incrocio semaforico di collegamento con la 345, sono elementi che fanno di quell’area un punto problematico della viabilità valtrumplina. Da qui il progetto che prevede la costruzione di un nuova bretella”. L’opera consiste in un una nuova strada della lunghezza di 1,8 km. E’ prevista la costruzione di un nuovo ponte sul fiume Mella, la tombinatura con un manufatto in calcestruzzo sul torrente Gambiera, la realizzazione di sostegni con terre armate rinforzate e muri di sostegno in cemento armato, rivestiti in pietra naturale, aiuole di canalizzazione in corrispondenza della rotatoria d’innesto, infrastrutture relative all’impianto di illuminazione oltre al guard-rail, segnaletica, sistemazione di aree verdi. Il tracciato partirà nella zona del cimitero, dove è stata costruita la rotatoria per collegare direttamente la s.p. 48 Iseo-Polaveno con la 345 valtrumplina. La strada avrà un’ampiezza totale di 12 metri con due corsie di marcia da 3,75 mt. con banchine pavimentate da 1,50 e arginello. Pendenza massima trasversale del 2,5% mentre la rotatoria avrà un raggio interno di 14,5 mt. I lavori saranno avviati entro il 2010 per concludersi entro un anno. I vantaggi della nuova bretella: “Consentirà il transito in sicurezza dei mezzi pesanti e commerciali fuori dal centro abitato – conclude l’assessore Parolini – il collegamento con la nuova rotatoria ai due ponti sul Gambiera e sul Mella garantirà inoltre un rapido deflusso e una maggiore sicurezza anche per i residenti nella zona, le opere accessorie di collegamento saranno funzionali alle zone artigianali poste a monte della nuova deviante e di via Serradello”.