VALTROMPIA – La Banca di Credito Cooperativo

0

“… essendo l’anno 1897 e questo giorno di domenica 28 del mese di Marzo … regnando Sua Maestà Umberto Primo … Re d’Italia, … si sono personalmente costituiti davanti a me Notaio Bossoni, alla presenza dei testimoni i signori … tutti residenti a Bovegno per costituire fra loro una società sotto la denominazione di Cassa Rurale di Depositi e Prestiti di Bovegno Società Cooperativa in nome collettivo ed a responsabilità illimitata”.

È iniziata così la storia della attuale Banca della Valtrompia.

Il primo Presidente fu Don Giovanni Tanghetti, parroco di Bovegno, ed i soci e clienti dovevano essere iscritti nel registro della popolazione della Parrocchia di Bovegno e dovevano risultare residenti stabilmente nel paese. L’andamento quindi della piccolissima Cassa Rurale proseguì rispettando i principi fondatori e sviluppandosi proporzionalmente alla crescita della Comunità Bovegnese.

La prudenza, la sagacia, il senso di responsabilità degli amministratori consentirono alla Cassa Rurale di superare gli anni bui e difficili che vanno dal 1925 al 1935 caratterizzati anche dalla nascita e successiva scomparsa nel vicino Comune di Tavernole di altre due banche: la Banca Cooperativa bresciana e la Banca Triumplina di Tavernole

La Cassa Rurale ed Artigiana di Bovegno, così si chiamava originariamente, conobbe via via una crescita rilevante; iniziò ad operare anche nei paesi confinanti di Collio, Tavernole, Pezzaze e Marmentino. Nel 1990, il 7 ottobre, fu inaugurata la nuova sede della Cassa Rurale di Bovegno alla presenza dell’Onorevole Guido Carli, allora Ministro del Tesoro. L’anno seguente, il 22 agosto, viene aperta ed inaugurata a Pezzaze la prima filiale della Cassa Rurale di Bovegno.

Nel 1993, dalla fusione della Cassa Rurale di Bovegno e di Lodrino (costituitasi nel 1983), nacque la “Banca di Credito Cooperativo dell’Alta Val Trompia”, con sportelli a Bovegno, Lodrino e Pezzaze. Questo nuovo soggetto creditizio richiese una riorganizzazione della struttura operativa e sollecitò l’avvio da parte del Cda del progetto di ulteriore ampliamento della zona di operatività della Bcc. Il C.d.A. varò quindi il progetto di apertura di una sede secondaria a Gardone Val Trompia avviando la fase di sottoscrizione dei soci residenti a Gardone e che si concluderà nel 2003 con oltre 250 soci.

Il 10 Aprile 2003 divenne operativa la Sede Distaccata di Gardone V.T. Il 4 maggio 2003 in assemblea straordinaria, i soci della Bcc Alta Valtrompia deliberarono di modificare la ragione sociale della Bcc in “Banca di Credito Cooperativo della Valtrompia”. Nel febbraio del 2009 la Banca della Valtrompia apre a Sarezzo un nuovo sportello, allargando così ulteriormente il territorio di competenza e raggiungendo anche l’importantissima realtà industriale di Lumezzane. La zona operativa spazia dalla alta valle sino alle porte di Concesio; la Bcc della Valtrompia eroga tutti i servizi bancari, finanziari, assicurativi e di Tesoreria, oltre che tramite gli sportelli di Bovegno, Lodrino, Gardone, Sarezzo, Pezzaze, Collio e Marmentino, anche con l’utilizzo dei più moderni strumenti di banca elettronica.La BCC della Valtrompia può oggi contare su oltre 2200 soci; la base sociale è “aperta” e tutti i residenti o coloro (persone fisiche e imprese) che operano nelle zone di operatività della banca possono entrare a far parte della compagine sociale.

E’ ormai una realtà Valtrumplina, una cooperativa di credito che svolge il suo importante ruolo di banca locale, piccola ma integrata nel grande sistema del Credito Cooperativo Lombardo e Italiano, a sostegno delle famiglie, della piccola-media impresa, dei commercianti e dei professionisti. Negli ultimi 6 anni, moltissime sono state le iniziative di carattere sociale, culturale e ricreativo che hanno potuto contare su un sostengo economico che, nel periodo, ha raggiunto gli 800 mila euro. Essere soci e clienti della Banca, consente dunque di operare collegialmente alla crescita del territorio e delle numerose iniziative che vedono al centro la persona.La sede sociale, la Presidenza e la Direzione generale sono a Bovegno ma la caratteristica di banca locale facilita un contatto diretto e immediato anche con questi organi aziendali. Lo stesso Direttore Generale opera per almeno due/tre giorni la settimana nel suo ufficio distaccato predisposto presso la filiale di Gardone ed è a disposizione di tutta la clientela della Banca.