VALTROMPIA – 2010. Valle con ottimismo

0

di Pia Grazioli

Il nuovo anno porta importanti novità sul piano degli interventi sul territorio montano dell’Alta Valtrompia. La provincia di Brescia ha, infatti, stanziato 50 mila euro che serviranno alla valorizzazione, sistemazione e riqualificazione dei sentieri che da Caregno portano alla vetta del monte Guglielmo. Le modalità del progetto preliminare sono state illustrate, nella sede della Comunità Montana dal presidente dell’Ente comprensorile Bruno Bettinsoli, dal vice presidente della Provincia on. Giuseppe Romele, dagli assessori Mauro Sigurtà, Marco Sassolini, Andrea Porteri. Un bel regalo che apre il 2010 sotto il segno di un cauto ottimismo. Così, in sintesi, Bruno Bettinsoli nel tracciare un bilancio dei primi cento giorni di amministrazione dell’organismo comunitario che, dal maggio 2009, è governato da una giunta di centrodestra. “E’ stato un anno duro – ha detto Bettinsoli – ma che ci ha consentito, comunque, di avviare progetti importanti. E’ stato possibile sanare alcune situazioni difficili: sono stati, infatti, risanati i debiti dell’Agenzia Parco Minerario; il comune di Collio e la Provincia hanno sottoscritto e versato i finanziamenti alla SIV, Società Impianti Valtrompia, che gestisce gli impianti dell’Alpe Pezzeda.” Il 2009 si è chiuso con un positivo incontro dei sindaci sulla questione dell’ospedale di zona; anche su questo fronte sono in arrivo novità positive con un finanziamento regionale che consentirà l’ampliamento del Pronto Soccorso”. Insomma, il 2010 si apre sotto il segno dell’ottimismo? E’ l’auspicio dell’on. Romele che ha espresso giudizi positivi sull’operato dell’Ente valtrumplino: “Efficienza, efficacia, immediatezza, sono gli elementi che contraddistinguono un’amministrazione che si sta rivelando particolarmente vitale con una forte volontà di essere parte attiva della comunità valtrumplina”. Bettinsoli, da parte sua, ha sottolineato il momento di grande difficoltà economico-produttiva che invita ad un impegno maggiore, che porterà a razionalizzare sempre più le risorse, anche in vista del riordino delle Comunità Montane. Tornando ai sentieri montani, giova ricordare che il progetto preliminare è stato redatto da

G.Pietro Tamponi e Fabrizio Veronsi, dell’ufficio tecnico dell’Ente. Il percorso che da Caregno sale verso il Guglielmo sarà livellato fino a raggiungere il metro e venti di larghezza; il tracciato sarà quindi abbellito da nuove vegetazioni autoctone e sarà reso più agevole alle migliaia di escursionisti che, in ogni stagione, lo percorrono. Inevitabile un accenno al sogno nel cassetto che da quarant’anni i valtrumplini vorrebbero vedere realizzato: l’autostrada della Valtrompia. Pare (ma consentiteci il condizionale) che il primo tassello sia ormai cosa certa per il raccordo fino a Sarezzo. Molto presto si darà avvio alle pratiche di acquisizione delle aree. Mentre si concretizzerà un’altra questione importante, ovvero il collettore Lumezzane-Sarezzo, per il quale è previsto un incontro, entro gennaio, con l’A.S.V., Azienda Servizi Valtrompia. Insomma il 2010 si profila denso di impegni e le opere da realizzare non sono certo poche.