“Sicuri con la neve” al Passo del Tonale

0

CNSAS foto cane e conduttorePASSO DEL TONALE – Domenica 17 gennaio si svolgerà la VIII Giornata nazionale di prevenzione degli incidenti da valanga “Sicuri con la neve”. La manifestazione è organizzata dal Corpo nazionale di Soccorso alpino e speleologico, insieme alle Commissioni e Scuole centrali di escursionismo, alpinismo giovanile e fondo escursionismo, alla Società alpinistica F.A.L.C. e al Servizio Valanghe del CAI.

In Lombardia sono coinvolte le località di Schilpario, Piani di Bobbio, Chiesa in Valmalenco, Livigno, Madesimo e Passo del Tonale. Il comprensorio al confine tra le province di Brescia e di Trento è protagonista dell’iniziativa per il quinto anno consecutivo, anche grazie alla posizione strategica, a cavallo tra due regioni che da anni collaborano nella gestione dell’emergenza.

La giornata di domenica ha lo scopo di mostrare come operano i tecnici del CNSAS e quali azioni eseguono durante gli interventi di soccorso. Gli spettatori potranno osservare quello che accade in tempo reale, dalla richiesta di aiuto alla partenza delle squadre attrezzate, fino al salvataggio vero e proprio. Parteciperanno in modo attivo, con la prova degli strumenti e delle dotazioni di sicurezza, assisteranno alle tecniche di sondaggio e al disseppellimento dei travolti. Uno dei momenti più significativi sarà quello di sabato 16 gennaio: tutte le stazioni della V Delegazione Bresciana simuleranno un intervento di soccorso in notturna, condizioni in cui si attua il maggior numero di operazioni anche nella realtà, in un complesso scenario da valanga allestito al Passo. I primi minuti sono decisivi per salvare una persona travolta da una slavina: bisogna conoscere con esattezza che cosa fare per non perdere tempo. Sono sempre più numerosi coloro che praticano sci alpinismo, che vanno in montagna in inverno per escursioni a piedi, con le racchette da neve o in motoslitta. Saper usare correttamente pala, sonda e ARVA vuol dire portare in salvo la vita propria e altrui in caso di necessità.

In concomitanza con la Giornata nazionale, al Passo del Tonale si svolge anche il 44° Corso nazionale Cani da valanga del CNSAS, in programma da giovedì 14 a sabato 16 gennaio. Un momento formativo molto importante, che impegna 45 conduttori insieme ai loro cani. In questo settore il Soccorso Alpino si avvale di ben due Scuole: la UCV, per Unità cinofile da valanga, e la UCRS, per Unità cinofile da ricerca in superficie, che assicurano una preparazione omogenea a un gruppo di circa duecento unità, con una trentina di istruttori.

Il CNSAS, struttura nazionale di protezione civile del Club Alpino Italiano, è un’organizzazione di volontariato di alto profilo tecnico. Operatori, medici e unità cinofile, circa 7.500 persone, eseguono ogni anno più di 5.000 interventi di soccorso in montagna e in grotta, spesso in condizioni di rischio elevato per la loro stessa vita. Una parte importante del loro lavoro consiste proprio nella diffusione di una cultura della montagna che metta al primo posto la prevenzione degli incidenti. La preparazione individuale e l’uso adeguato dell’attrezzatura di auto-soccorso si costruiscono con la formazione e con l’esperienza: questo fa comprendere quanto sia importante partecipare a manifestazioni come “Sicuri con la neve”.