Valsaviore, escursionista ferita

0

cnsas-elicottero-e-tecniciVALSAVIORE – Ieri pomeriggio una ragazza è rimasta ferita in modo grave durante un’escursione nella zona del Lago d’Arno. La chiamata al 118 di Brescia è arrivata intorno alle 14.30 di oggi, domenica 9 agosto, da parte del giovane che era con lei. I due stavano rientrando lungo il sentiero che dal Passo Dernal, dove si trova il rifugio CAI “Maria e Franco”, conduce verso il Lago d’Arno. Si sono persi di vista e lui ha cominciato a cercarla, senza risultato. Appena arrivato alla centralina di Campellio, ha telefonato per chiedere aiuto. Sul posto sono arrivati i tecnici del CNSAS (Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico) della Stazione di Media Valle, che hanno condotto le ricerche via terra. Grazie all’aiuto dell’elicottero del 118 di Bergamo (quello di Brescia era impegnato) sono riusciti a individuarla dall’alto. Aveva smarrito il sentiero, che attraversa un terreno dove sono presenti numerosi placconi e salti di roccia, ed era scivolata, battendo la testa. E’ ricoverata all’ospedale di Esine per trauma cranico commotivo. E’ grave ma non in pericolo di vita. Nel frattempo, la squadra del Soccorso Alpino ha accompagnato il ragazzo, incolume ma sotto shock, prima alla Casa dei guardiani che presidiano la zona del lago, poi all’ospedale di Esine. Intanto a Nuvolento, in Val Sabbia, proseguono le ricerche di Angiolino Scalvini, l’uomo di 78 anni scomparso da casa alla fine di luglio. Il Soccorso Alpino, con un lavoro combinato insieme a Vigili del Fuoco, Protezione Civile e Carabinieri, sta portando avanti un’ampia battuta di ricerca nelle zone da cui sono giunte le ultime segnalazioni della presenza dell’uomo.